Cari fratelli e sorelle del Sacro Cuore

siamo in un tempo in cui la informazione quotidiana straripa di notizie e spesso di chiacchiere che più che
illuminare, confondono. Per questo faccio fatica a scrivervi: riuscirò a farvi dimenticare la monotonia e la
malinconia causate dai telegiornali?

Qualche notizia in famiglia.

Domenica 22 novembre scorso, grande gioia per la celebrazione della cresima e comunione di 31 ragazzi a
compimento della loro iniziazione cristiana: la celebrazione si è svolta, anche per il numero ristretto di invitati,
in un clima di raccoglimento. I ragazzi hanno dimostrato una visibile consapevolezza dei doni che ricevevano.
Confortante la partecipazione dei ragazzi agli incontri per l’iniziazione cristiana (catechesi): il merito è dei
genitori che, nel rispetto delle norme di prevenzione, hanno superato la paura che paralizza. Profondo
riconoscimento è dovuto da parte della Comunità alla testimonianza di fedeltà e di convinzione offerta dai
catechisti e catechiste.

Visita natalizia agli anziani-malati:

nell’attuale situazione mi faccio riguardo di entrare nelle case se non sono chiamato. Ma se invitato
accorrerò ben volentieri.

Presepio:

Un gruppo di papà lo sta preparando come sempre all’esterno, non allo scopo di creare una cosa
spettacolare ma di offrire la rappresentazione visiva del Natale da contemplare con lo stupore della fede.

Busta offertoriale Avvento-Natale per la Chiesa:

Nell’attuale situazione viene meno il coraggio di chiedere… Però in questi giorni mi ha colpito il fatto che
alcuni fedeli sono venuti spontaneamente con una loro offerta per famiglie bisognose. Quindi è lasciato a voi
l’iniziativa di fare un’offerta che sarà principalmente destinata a chi si trova nel bisogno; così testimonieremo
quella generosità di Dio – San Paolo la chiama “filantropia” – dimostrata in modo unico nel Natale.

L’angolo bello.

In ogni casa prepariamo “l’angolo bello” dove la famiglia ogni sera si riunisce per pregare: una immagine
sacra, un cero da accendere, il Vangelo aperto. In chiesa troviamo il foglio giallo della seconda settimana di
Avvento con la traccia della preghiera in famiglia di ogni sera.

Domenica 6 – Lunedì 7 – Martedì 8: tre giorni di grande significato spirituale

– per partecipare all’Eucaristia, domenica 2ª di Avvento;

– per restare davanti al SS. Sacramento in spirito di adorazione e di intercessione, lunedì 7;

– per contemplare in Maria Immacolata le meraviglie dell’amore di Dio, martedì 8.

Per Lunedì 7 dicembre proponiamo una giornata eucaristica speciale (al posto delle “Quarantore”) che
faccia da ponte che unisce i due giorni di festa: sarà un giorno dedicato alla preghiera, vera urgenza del tempo
presente. Quando parlo di preghiera mi pare di sentire le obiezioni: ho pregato e non è cambiato nulla, ho
pregato ma è stato inutile. Quando ero giovane, andavo in cerca delle definizioni più belle della preghiera; oggi
cerco di farne esperienza riscoprendo e gustando il Padre Nostro non semplicemente recitato a memoria, ma
quello sempre nuovo che raccoglie la vita di ogni giorno e la fa entrare filialmente in Dio. Ha ragione Santa
Teresa d’Avila quando dice: “le parole del Padre nostro conducono ai fatti… preparano l’anima, la rendono
pronta e la portano alla tenerezza”. Efficace per “indurci” a pregare l’immagine usata dal papa Francesco:
“Pregare è accendere una luce nella notte”, per dire che preghiera e vita si reclamano a vicenda.

Lunedi 7 dicembre: puoi incontrare il Signore in chiesa
nell’adorazione del SS. Sacramento
Dalle 10,00 alle 12,00 e dalle 16,00 alle 18,00

Martedì 8 dicembre
IMMACOLATA CONCEZIONE DI MARIA

Festa di precetto: orario domenicale delle messe
Lunedì 7 dicembre: ore 18,15 – 1ª Messa festiva
Martedì 8 dicembre SS. Messe: ore 9,00 – 10,00 – 11,00 – 12,00 – 18,15